Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

16 novembre 2012

Anima, ricorda chi sei



Anima che leggi,

tu che a volte temi, dubiti e soffri per il buio che hai intorno, cosa vuoi sentirti dire?
Che sei stata brava a superare molte prove? Che hai avuto coraggio?
Ebbene, tutto ciò è vero… Eppure c'è ben altro che puoi affrontare, c'è ben altro che puoi costruire.
Non guardare agli altri, questo non è un confronto; il tuo percorso è tuo soltanto, è parte del tuo "destino". Ma il tuo destino è ben più che "gestire la paura". Hai una moltitudine di esistenze dentro di te, e hai anche una moltitudine di soli con i quali illuminarle. Non ti accontentare di accendere qualche stella, quando puoi dare vita a una galassia intera!

Anima, sii grande, di quella grandezza che viene dall'accoglienza del cuore e dal coraggio della volontà. Non lasciare che ipocrisia, dubbi o sete di potere ti distolgano dalla realizzazione di questa vita.
Ricorda chi sei. Ricorda che il centro è dentro di te, mai fuori.
Dal centro prendiamo amore, nel fuori lo riversiamo: questo è il flusso corretto dell'energia che guarisce.
Restituisci i sensi di colpa e le pretese al mondo del passato.
Tu sei un cristallo alla ricerca del "taglio" perfetto con cui rimandare luce attorno a sé.
Fidati di ciò di cui ti accorgi e ringrazia ogni cosa, che vive in te, e per te.

Anima, quando ti senti insicura e incerta sul percorso da intraprendere, sappi che prima di iniziare una strada occorre "sentirla". Aspettare, dunque, non è sbagliato. Chiedi dentro di te, non avere fretta di fare.
Ma appena l'intuito sceglie una direzione allora non esitare, esplorala con tutto il tuo essere… poiché è solo "essendo" che noi trasformiamo noi stessi e il mondo attorno a noi.
Impara a evitare il rischio di aspettare troppo, altrimenti la semina supera il suo tempo e si trasforma in paura dell'azione.

Anima, se qualcosa risuona in te, se mette radici e torna di continuo nei tuoi pensieri e nei tuoi desideri, acuisci i sensi e dagli l'attenzione che ti chiede. Prima che la dimenticanza ti faccia ammalare.
Sì, è sempre e ancora arte dell'equilibrio. Smetti di oscillare, scegli il centro, che risiede fra gli opposti e ti porta al di là di essi.

Anima, nessuno può dirti qual è il tuo destino.
Intuirlo, capirlo e sceglierlo appartiene al tuo compito, alla tua libertà, al tuo servire la Vita.