Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

7 ottobre 2011

99. Grazie ai bambini, ce la faremo!

La scorsa settimana ho fatto una passeggiata in un grande parco. Ho notato uno splendido cavallo dentro un recinto, molto affettuoso con le persone di passaggio. Soprattutto, c'erano dei bambini che si avvicinavano all'animale: lo toccavano, gli davano ghiande da mangiare, e si stupivano per dettagli che un adulto faticherebbe non solo a trovare interessanti, ma anche solo a notare.

Incontro sempre più spesso bambini vivi, cioè che non sono stati ancora sacrificati alla "vita adulta". Vibrano di eccitazione se intravedono una farfalla o una margherita, e provano dispiacere se un albero è stato abbattuto a causa di una tempesta. I loro genitori, invece, camminano con aria scontrosa o assente, perlopiù immersi in quella grigia nuvola di pensieri che non fa accorgere di niente di quel che conta.

Credo che la Terra abbia davvero un progetto di grandezza, se tante anime così piene di meraviglia stanno scendendo per farvi esperienza. Se questi bambini, nel diventare adulti, manterranno la capacità di accorgersi, come anche la voglia di armonia e grazia, allora il mondo intero potrà cambiare in poche generazioni. Grazie a loro, ce la faremo!

Ogni volta che nutriamo, con rinnovata attenzione e magica presenza, la visione di un bambino, la sua capacità di esplorare e di accogliere quel di cui si accorge, e la sua fiducia nell'esprimere la propria fragile e potente creatività,  non stiamo proteggendo solo un "cucciolo d'uomo", ma ci stiamo occupando del futuro del Pianeta.